Marina di Pisa, danni e forti disagi per la mareggiata

di Cristiano Moggi 

Forti piogge e mare in tempesta da sabato notte fino a tutta la giornata di ieri. Allagamenti diffusi soprattutto nella zona più vicina alla foce dell'Arno dove il livello dell'acqua ha superato anche il mezzo metro.

Acqua anche in tanti scantinati e in diversi appartamenti. Le concause potrebbero essere i lavori alle dighe foranee davanti Lungomare Crosio. Il Lungomare è stato chiuso al traffico. L'intensità del vento, infatti, ha spinto le onde fin sulla strada senza, però, che l'acqua avesse la possibilità di defluire. Nessun pericolo, comunque, per i cittadini che vivono nella zona che sono rimasti senza energia elettrica.

Sul posto sono giunti in azione fin dalle primissime ore di ieri mattina i volontari della Pubblica Assistenza di Pisa, insieme a Pubblica Assistenza Litorale Pisano, misericordia, Croce Rossa che con il vicesindaco Paolo Ghezzi, il personale del Comune e i Vigili del Fuoco hanno organizzato i soccorsi. Inizialmente hanno collocato diversi sacchi di sabbia per attenuare il più possibile gli allagamenti.

Poi hanno montato le idrovore sulla strada per abbassare il livello dell'acqua. I residenti che erano interessati dagli allagamenti e dalla mancanza di corrente sono stati assistiti. La mareggiata ha poi cominciato ad attenuarsi nel pomeriggio, quando intensità e soprattutto direzione dei venti hanno abbassato la forza delle onde.

I soccorritori hanno trovato base operativa nell'albergo "Incanto di Boccadarno", che per tutta la notte è rimasto punto di riferimento per le eventuali emergenze.

Alcune pompe idrovore sono state in funzione fino a tarda serata per togliere l'acqua da appartamenti, scantinati e garage ancora allagati. Dalla prima serata di ieri la strada non è più allagata.Oggi una squadra della Pubblica Assistenza di Pisa è tornata ancora sul posto per svuotare gli ultimi seminterrati.

CLICCA QUI PER VEDERE ALCUNE IMMAGINI