Emodializzati, Anpas Sicilia chiede un tavolo tecnico congiunto alla Regione

Un tavolo tecnico congiunto tra assessorato della Famiglia ed assessorato della Salute nell’ambito della valorizzazione ed utilizzo delle associazioni di volontariato nel servizio di trasporto emodializzati. Lo ha richiesto ufficialmente il presidente di Anpas Sicilia Lorenzo Colaleo, a seguito di una contraddizione palese delle due strutture circa le condizioni per accedere al servizio.

E’ assurdo come nei tavoli tecnici attivati dall’assessorato della Salute, che hanno visto approvare il nuovo decreto assessoriale sul trasporto emodializzati e che continuano ad operare per il varo delle attività di supporto delle organizzazioni di volontariato nel campo della emergenza urgenza sanitaria, hanno sempre previsto, tra l’altro, la presentazione di documentazione attestante sia la necessità che l’associazione richiedente sia stata costituita in base alla legge 266/91 sia la presentazione dell’iscrizione all’albo regionale della Famiglia nella sezione Socio-sanitario. L’iscrizione richiesta, per la legge regionale n. 22/94, viene però il più delle volte rigettata dall’assessorato della Famiglia che ne giustifica il non accoglimento poiché “le attività relative ai servizi di ambulanze per emodializzati, la gestione di sale operative sanitarie e/o di telesoccorso e genericamente i servizi convenzionati, quali quelli sanitari, violano la normativa di cui all’articolo 10 della legge regionale n. 22/94”.

“Appare opportuno sottolineare come tale situazione crei particolare confusione alle associazioni di volontariato in genere ed in particolare alle pubbliche assistenze siciliane che, se da un lato vengono valorizzate dall’assessorato della Salute, dall’altro vengono penalizzate dall’assessorato della Famiglia, pur ambedue facenti parte della Regione Siciliana. Ho chiesto un tavolo tecnico coingiunto affinchè si faccia chiarezza” spiega Lorenzo Colaleo.

Insomma ancora una volta Anpas Sicilia assume un ruolo di leader in una questione di notevole interesse nel terzo settore isolano e in particolare nel rapporto fra il mondo del volontariato e le istituzioni.