Evacuazione di un quartiere di Palermo: impegnati oltre 50 volontari Anpas

53 volontari e volontarie, 2 camper, 2 ambulanze, 4 pulmini per persone con disabilità, 2 auto mediche: questa la forza messa in campo da Anpas Sicilia per domenica 13 settembre a Palermo, dalle 6 fino a cessata emergenza, quando verrà evacuato un intero quartiere per permettere agli artificieri di disinnescare un ordigno bellico.

Dal 7 al 12 settembre i volontari e le volontarie Anpas sono stati in zona porto per avvisare i residenti e per avviare un censimento della popolazione. 40 volontari al giorno hanno distribuito volantini e fatto il porta a porta affinché tutti fossero avvisati su quanto succederà domenica.

Le famiglie da evacuare sono 2512 per un totale di 5995 residenti, 1700 domiciliati non residenti, 190 residenti con disabilità e, come da ordinanza sindacale, si sposteranno presso alcuni centri sportivi, (centri accoglienza),  PalaOreto, PalaUditore, Stadio Renzo Barbera, mentre chi ha bisogno di assistenza sanitaria presso RSA individuate dall'ASP 6, ad accoglierli centinaia di volontari e volontarie reperiti anche attraverso la collaborazione del Dipartimento Regionale di Protezione Civile.

Tutta la macchina organizzativa è gestita dal Centro operativo comunale (coc) di Palermo e alla funzione 3 volontariato troviamo Tommy Zirilli, consigliere Anpas Sicilia, che ha gestito le attivazioni delle associazioni di volontariato (che hanno aderito in numero di 350).

Al porto l’attività di informazione è gestita invece da Fabio Virdichizzi, responsabile operativo Anpas di protezione civile per la Sicilia occidentale.