Emergenza COVID19: le pubbliche assistenze messinesi lanciano una raccolta fondi

Due campagne di raccolta distinte per non sottovalutare né l’emergenza sanitaria in corso né quella
economica e sociale che sta colpendo molte famiglie del nostro territorio. 
Insieme ai volontari e le volontarie Anpas Sicilia, che già da settimane sono impegnati negli
ospedali con le tende pre-triage, e nei centralini delle sale operative regionali e provinciali oltre che
nella consegna di beni di prima necessità e farmaci ad anziani, immunodepressi e persone fragili, la
Banca messinese ha pensato a due iniziative necessarie e tra loro complementari.
Da una parte una raccolta per l’acquisto di beni di prima necessità da distribuire alle famiglie che si
trovano improvvisamente in stato di bisogno, dall’altro l’acquisto di una barella biocontenitiva  che
servirà a facilitare il trasporto dei pazienti positivi.
Per Gennaro Cortucci, Presidente della Banca di Credito Peloritano “il periodo di ansia, di timori, di
grande preoccupazione che stiamo vivendo, avrà certamente riflessi sull’economia della nostra
provincia. In tale ottica, la BCP, creata a Messina da Messinesi, non può esimersi dal fare la sua
parte, con l’augurio di trovare, nella propria azione, il sostegno dei propri concittadini e, in
particolare, di quelli che non si sono ancora dimostrati consapevoli dell’importanza di supportare
un’istituzione finanziaria territoriale”.
Per Lorenzo Colaleo, presidente Anpas Sicilia: «Un’emergenza che ci ha visti in prima linea fin
dalle prime battute e nella quale i volontari e le volontarie Anpas non si sono mai tirati indietro. Per
questo abbiamo accolto la proposta della Banca di Credito Peloritano di aprire due raccolte per non
lasciare indietro nessuno. Speriamo nella generosità dei messinesi che vorranno stare vicini alle
famiglie che si trovano in difficoltà ma anche a chi, in questi giorni, si trova a stretto contatto con
pazienti positivi e ha la necessità di presidi sanitari specifici. A nome dei volontari Anpas in Sicilia
mi sento già di ringraziare chi sarà al nostro fianco»