Palermo, formazione sanitaria e di protezione civile: l'incontro con l'assessore Lagalla

Palermo, 22 aprile 2018 - Questa mattina, presso il bene confiscato alla mafia che il comune di Palermo ha assegnato alla pubblica assistenza OPC LeAli, l'incontro del comitato regionale Anpas Sicilia con l'assessore all'istruzione e alla formazione professionale della regione siciliana, Roberto Lagalla.

Un'occasione di confronto sulla formazione sanitaria e di protezione civile dei volontari siciliani e, in particolare, dei volontari Anpas Sicilia. 

«Ho incontrato il dirigente regionale della protezione civile siciliana, Calogero Foti, perché nei prossimi mesi voglio chiudere una convenzione per la formazione o per l'aggiornamento continuitativo delle associazioni di volontariato di protezione civile. - ha dichiarato Lagalla - È chiaramente un programma triennale e sarà nostro dovere capire chi sono i destinatari ma anche il piano formativo.»
Sulla formazione sanitaria, invece, ha ribadito l'impegno già preso durante la 3° conferenza d'organizzazione di Anpas Sicilia: «Con l'assessorato alla salute, visto anche l'eccellente rapporto con l'assessore Razza, ci siamo messi a lavoro per l'inquadramento in un profilo professionale universalmente riconosciuto dell'autista soccorritore perché è un problema che esiste e dobbiamo risolvere.»

Lorenzo Colaleo, presidente Anpas Sicilia, ha chiesto una cabina di regia che coinvolga almeno le sigle nazionali per quanto riguarda il percorso di formazione di protezione civile che, secondo Lagalla, sarà costituita entro il 2018.

«Anpas Sicilia è pronta a collaborare con l'assessore Lagalla per costruire un percorso formativo sia di protezione civile che sanitario.- ha dichiarato Lorenzo Colaleo alla fine dell'incontro - I volontari siciliani fanno già una formazione sanitaria di 150 ore e gli abbiamo raccontato della cascata formativa Anpas, senza la quale non si può far parte del sistema di protezione civile nazionale Anpas. Gli abbiamo chiesto, inoltre, un incontro con l'assessore Razza perché abbiamo la necessità di riunire ancora il tavolo tecnico con le sigle di volontariato su temi importanti come il sistema 118. Ringraziamo l'assessore Lagalla per l'attenzione che ha nei nostri confronti già dall'insediamento e siamo certi che porterà avanti tutti i progetti di cui abbiamo parlato.»